Home » Trovare Lavoro » Come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Hai sempre sognato di avere un profilo LinkedIn che attiri le aziende verso di te come api sul miele?

Vuoi sapere come usare LinkedIn per mostrare a tutti la tua professionalità ma non sai da dove iniziare?

Vuoi scoprire i segreti per costruire un network di qualità, che ti aiuti a farti trovare dalle aziende?

Se hai risposto sì ad almeno una di queste domande, allora devi assolutamente leggere questo articolo su Come Usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Ecco i contenuti che troverai in questo articolo!

Introduzione

Oggi LinkedIn è la piazza virtuale dove si anima il mercato del lavoro.

Che tu stia cercando lavoro, o voglia costruire la tua credibilità professionale, non puoi fare a meno di esserci.

Come te, ci sono altre migliaia di professionisti che popolano questa piazza.

Se pensi che emergere in questa platea sia impossibile, ti sbagli di grosso. E’ più semplice di quanto immagini!

Occorre solo conoscere le strategie giuste e sapere come muoversi attraverso uno strumento in continua evoluzione e con grandi potenzialità.

Ancora in pochi oggi sono in grado di sfruttare queste potenzialità e guadagnare visibilità per raggiungere i loro scopi professionali.

Vuoi essere uno di questi?

Allora ti consiglio di leggere questo articolo su Come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni fino alla fine!

Come usare LinkedIn: è tempo di cavalcare l’onda!

Se stai approcciando ora questo social network e vuoi sapere come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni, sappi che è il momento giusto per farlo!

Eppure, LinkedIn è tutt’altro che uno strumento nuovo. La sua fondazione risale addirittura al 2003, molto prima che nascessero altri famosissimi social come Facebook e Twitter.

Tuttavia, per molti anni è stato considerato uno strumento di nicchia. Un social dove fare noiose conversazioni di business e, di tanto in tanto, concludere qualche buon affare.

Poi c’è stato un momento, qualche anno fa, in cui LinkedIn stava prendendo una “deriva pericolosa”. Stava diventando molto simile a Facebook rispetto ai contenuti che le persone condividevano. Nel feed capitava sempre più spesso di imbattersi in meme, indovinelli, video di gattini.

Per fortuna, questa deviazione è stata solo momentanea e oggi LinkedIn è senza dubbio il social network professionale più importante e usato online.

Negli ultimi tempi, sempre più persone hanno compreso le potenzialità di LinkedIn e hanno iniziato a farne un uso massivo.

Ecco perché è il momento giusto per iniziare a imparare come usare LinkedIn e ottenere i risultati professionali che desideri!

Partendo, intanto, con lo sfatare alcuni falsi miti sul suo utilizzo…

Come usare LinkedIn: i falsi miti da sfatare

Nell’immaginario collettivo, LinkedIn serve per trovare lavoro.

Questo è uno dei falsi miti da sfatare assolutamente! Infatti, pensare di usare LinkedIn solamente nel momento in cui si cerca lavoro è sbagliatissimo.

Significa non aver compreso le sue enormi potenzialità. LinkedIn permette di fare molto di più: far emergere la propria personalità, formarsi, interagire con i leader di mercato. In due parole, LinkedIn ti permette di costruire il tuo personal brand.

Lavorare sul tuo personal brand ti aiuterà a farti conoscere come professionista e le opportunità professionali verranno da se!

Un altro falso mito è quello di pensare che la sola compilazione del profilo è sufficiente per considerarsi presenti su LinkedIn. Ancora una volta, LinkedIn è molto di più.

Per essere davvero presenti su LinkedIn occorre partecipare in prima persona, essere attivi all’interno della comunità.

Commentare, interagire, condividere articoli di altri aggiungendo il tuo punto di vista. Scrivere articoli di tuo pugno.

Sono tutte attività che ti permettono di avere una presenza su LinkedIn e farti conoscere come professionista.

Infine, il terzo falso mito da sfatare è che il profilo LinkedIn sia semplicemente un copia-incolla del curriculum. Il profilo è molto di più, è una vera e propria estensione del cv.

Vuoi sapere come realizzare un profilo LinkedIn super efficace?

Partiamo proprio da qui. Continua nella lettura di questa guida su come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Come Usare LinkedIn: il profilo come tuo biglietto da visita

come usare linkedin

Foto di chan mina da Pixabay

Siamo seri: una guida su come usare LinkedIn non può non partire dal come costruire un profilo efficace 😉

Il profilo è sicuramente la prima cosa che ci viene in mente pensando a LinkedIn. Anche se, ormai dovresti averlo capito, è solo uno degli elementi che possono essere sfruttati per usare LinkedIn per farti trovare dalle Aziende dei tuoi sogni.

Sicuramente il profilo LinkedIn non è un surrogato del curriculum. Sono due elementi complementari, anzi uno (il profilo LinkedIn) è l’estensione dell’altro (il cv).

Il curriculum è un documento statico, in cui è estremamente importante la sintesi.

Si dice che un buon curriculum non debba superare le 3 pagine al massimo. Vanno pertanto selezionate le informazioni più rilevanti, il che diventa un lavoro complicato da fare soprattutto quando si iniziano ad accumulare anni di esperienza.

Il profilo LinkedIn, al contrario, è qualcosa di dinamico. E’ una vera e propria estensione del curriculum.

Si possono inserire tutta una serie di elementi aggiuntivi e multimediali che andranno ad arricchire il tuo profilo professionale: pdf, documenti, pubblicazioni, video, progetti.

In un processo di selezione, i recruiter mi raccontano che si fanno un’idea del candidato leggendo le informazioni basilari sul cv. Poi, esplorando il profilo LinkedIn, ottengono informazioni aggiuntive, sia dal punto di vista di profilo, sia da come interagisce con la rete.

Pertanto, uno dei passi fondamentali su come usare LinkedIn al meglio, è quello di sfruttare tutti gli spazi che il profilo mette a disposizione!

L’errore da evitare, quindi, è quello di lasciarsi prendere dalla pigrizia nella compilazione del profilo LinkedIn. Non lasciarti andare alla tentazione di fare un semplice copia-incolla delle informazioni che hai già scritto sul curriculum.

Sfrutta appieno le potenzialità e gli spazi che il profilo LinkedIn ti concede per raccontare la tua unicità e professionalità!

modello-curriculum

Come usare LinkedIn: il sommario racconta la tua professionalità

Se vuoi sapere tutto quello che ti serve sapere per costruire un profilo LinkedIn perfetto ti consiglio di ascoltare questo episodio del podcast. E’ l’intervista che ho fatto con Rocco Cutrupi, formatore LinkedIn, in cui passiamo in rassegna tutti gli elementi del profilo.

Qui, mi limiterò a fornirti alcuni spunti utili per le parti principali del profilo: il sommario e il riepilogo.

Partiamo dal sommario, cioè quella breve stringa di testo che sta immediatamente sotto il tuo nome, anche definito headline.

Il sommario deve far capire la tua intera professionalità.

E’ pertanto sbagliato inserire semplicemente il job title attuale, cioè l’attuale posizione lavorativa. Al contrario, l’headline deve raccontare sinteticamente tutto quello che sei e che sai fare.

Questo lo si può fare attraverso delle parole chiave, che tra l’altro favoriscono la ricercabilità del profilo da parte di recruiter e aziende.

Oppure, scegliendo una frase che sia una perifrasi di quello che come professionista puoi fare per un tuo potenziale cliente o un’azienda che volesse assumerti.

Ad esempio, avrai notato che sempre più spesso si vedono headline nella forma di “Aiuto le aziende a…”

Questa forma non favorisce la ricercabilità del tuo profilo. Tuttavia, è utile per esplicitare quello che come professionista sei in grado di offrire.

Non c’è una forma giusta o sbagliata, si tratta di approcci diversi che vanno testati e soprattutto va scelto quello che consideri essere più in linea con il tuo profilo e il tuo modo di essere.

Dopo aver scritto un sommario accattivante, il prossimo passo di questa guida su come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni è quello di scrivere un riepilogo eccezionale!

Come usare LinkedIn: il riepilogo racconta la tua personalità

Se il sommario racconta la tua professionalità, il riepilogo racconta la tua personalità!

Intanto, il riepilogo è quella porzione di testo più estesa che anticipa le esperienze lavorative.

Si tratta di una sezione molto importante e che non va sottovalutata!

E’ la risposta al tipico “mi parli di lei”, la domanda rompighiaccio che di solito apre i colloqui di lavoro.

E’ proprio qui che devi lasciare libero sfogo alla tua personalità di esprimersi!

Lascia da parte i formalismi (senza esagerare però) e racconta:

  • stralci del tuo passato – quindi il percorso che hai fatto fino ad oggi
  • un po’ del tuo presente – le caratteristiche della posizione lavorativa attuale
  • la tua visione di futuro – quali sono le tue ambizioni, i tuoi obiettivi, dove ti vedi da qui a qualche anno (su quale esperienza/settore ti vuoi focalizzare/specializzare, verso quali ruoli aziendali vuoi evolvere)

Il riepilogo è anche il posto giusto per raccontare i tuoi valori e i tuoi punti di forza.

Anche hobby e interessi, che sono valutati molto attentamente dai recruiter, dovrebbero trovare spazio all’interno del tuo riepilogo.

L’importante è che tutto questo sia raccontato esprimendo te stesso, la tua personalità.

Le frasi del tipo: “abituato a lavorare in team”, “organizzato”, “abituato a lavorare per obiettivi”, “appassionato, motivato” devono essere assolutamente evitate!

Queste cose non ti differenziano perché lo possono scrivere tutti; devi, al contrario, far emergere la tua unicità!

Ora che sai come scrivere anche un riepilogo che parli davvero di te, sei pronto per passare allo step successivo di questa guida su come usare Linkedin per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Come Usare LinkedIn: contribuisci e crea valore

creare valore linkedin

Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

Ora che hai capito come scrivere un profilo professionale, non ti resta che iniziare a muoverti su LinkedIn come un vero professionista.

A questo proposito, dovresti ascoltare l’intervista che ho fatto a Valentina Marini, esperta di comunicazione digitale.

Nel frattempo, provo a riassumere io alcuni concetti chiave per te.

Il concetto fondamentale che devi sempre tenere a mente è che su LinkedIn l’importante è partecipare.

LinkedIn ti restituisce ciò che fai: se non partecipi, non ti restituisce nulla in termini di valore.

E’ pertanto fondamentale muoversi a seconda dell’obiettivo che hai:

  • vuoi trovare lavoro?
  • stai provando ad acquisire nuovi clienti?
  • vuoi far conoscere un tuo progetto?
  • stai provando ad emergere come professionista in un determinato settore?

Fissato l’obiettivo, è fondamentale definire una strategia e iniziare a muoversi in questo senso.

Porta valore al tuo network creando contenuti, commentando, partecipando a discussioni, condividendo articoli di altri ma esprimendo il tuo punto di vista.

Chiedi ai tuoi contatti di interagire, di apportare loro stessi valore alla discussione.

La strategia che elabori deve essere di lungo periodo, non aspettarti risultati immediati.

Tuttavia, la costanza premia e considera che le persone ti leggono comunque anche se non mettono un like o se non commentano i tuoi post.

Come usare LinkedIn: definisci obiettivi e strategia

Vuoi sapere come fissare i tuoi obiettivi su LinkedIn e la relativa strategia a supporto per raggiungerli?

Allora, devi ascoltare questi episodi del podcast in cui ho intervistato due tra i massimi esperti di LinkedIn nel panorama italiano:

Sono davvero due episodi illuminanti per chi ha voglia di imparare davvero come usare LinkedIn per raggiungere i propri obiettivi professionali.

Entrambi sono professionisti che focalizzano i loro interventi su come trovare clienti su LinkedIn.

In realtà tutti e due sostengono che, pensandoci bene, non c’è grande differenza tra chi cerca clienti e chi cerca lavoro.

In entrambi i casi, infatti, devi far capire al tuo interlocutore che sei competente in una materia; questo è l’unico elemento in grado di generare interesse dall’altra parte.

Quando una persona vede che sei competente e ti cerca, diventa più facile chiedere quello che vuoi.

Se invece ti scontri con tanti “competitor“, che sia in una trattativa di vendita o in una ricerca di lavoro, sarà più difficile far valere le tue volontà e ottenere quello che vuoi.

L’obiettivo che devi darti è quindi quello di stabilire in quale materia vuoi farti percepire come competente.

La strategia viene di conseguenza ed è quella di stabilire cosa devi fare per poter essere percepito come competente: cosa dire, come dirlo, dove informarti.

Come usare LinkedIn: crea contenuti di valore

Definita la materia in cui vuoi essere percepito competente, il passo successivo è quello di trovare gli argomenti da fornire al tuo pubblico.

Il massimo sarebbe riuscire a scrivere contenuti di tuo pugno, raccontando le tue esperienze sempre in un’ottica di fornire valore alla tua rete.

Non hai idea di cosa scrivere nei tuoi contenuti su LinkedIn? Puoi prendere spunto da me 😉

Nella mia attività quotidiana, in quella che è la mia carriera “principale”, mi occupo di supporto clienti.

Ad inizio 2019 sono entrato in una piccola azienda dove ho avuto il compito di creare quasi da zero il team di post vendita e assistenza clienti.

E’ stata un’esperienza molto stimolante e formativa. Così, a distanza di qualche mese, ho raccolto le idee e ho riassunto un anno e mezzo di lavoro in 5 articoli su LinkedIn.

L’ho fatto con l’obiettivo di raccontare quello che avevo fatto e di posizionarmi come specialista nella costruzione di team post vendita per startup.

Ho strutturato quindi un vero e proprio format: partendo dalle basi, fino alla completa realizzazione del team.

Ho pubblicato gli articoli a distanza di 7-10 giorni l’uno dall’altro utilizzando la piattaforma di blogging presente all’interno di LinkedIn.

Sei curioso di vedere come ho strutturato la cosa?

Trovi a questo link il primo episodio della serie che ho pubblicato e sono convinto che troverai facilmente quelli successivi.

Con l’augurio che ti possa essere di ispirazione e una sola accortezza: NON inserire dati sensibili relativi alla tua azienda.

Pestare il classico “merdone” è un attimo esponendosi in questo modo. Qualcuno in azienda potrebbe non vedere di buon occhio questa tua iniziativa ed è meglio essere conservativi piuttosto che esporsi eccessivamente 😉

Come usare LinkedIn: condividi contenuti di qualità

Ma cosa succede se non hai proprio idea di cosa scrivere?

In questo caso, ti consiglio di iniziare a seguire i riferimenti del tuo settore.

Per riferimenti si intendono: università, grandi aziende, riviste, ma anche singoli professionisti, che parlano degli argomenti su cui vuoi essere percepito come competente.

Entrando in contatto con i contenuti e gli articoli pubblicati da altri, potresti facilmente trovare l’ispirazione giusta.

Non necessariamente devi creare contenuti di tuo pugno, ci sono tanti modi in cui puoi partecipare alla discussione:

  • condividendo articoli di terzi, dando il tuo parere e invitando il tuo network al contraddittorio
  • commentando contenuti che sono in target con il settore di cui fai parte, sempre in un’ottica di scambio di valore (mai essere polemico!)
  • partecipando a discussioni all’interno di gruppi più o meno popolati

Tutto contribuisce a creare la tua immagine di professionista, non solo la creazione di contenuti.

Quando i recuiter e gli HR guardano il profilo LinkedIn di un candidato, ti posso assicurare che fanno caso non solo a post e articoli, ma anche ai commenti.

Tienilo sempre a mente. Cerca di dare valore anche in un semplice commento. Se un post o il suo autore non ti va a genio, conta fino a 100 prima di commentare! 😉

Sono infatti assolutamente da evitare commenti polemici e di lamentela.

Il che non significa dover essere per forza sempre d’accordo. Si può esprimere dissenso anche in maniera educata e costruttiva.

E quando ti esprimi, cerca di essere te stesso. Utilizza una forma più vicina al parlato che allo scritto, per essere coerente tra l’idea che dai su LinkedIn e quello che sei nella vita reale. L’autenticità è tutto!

Come Usare LinkedIn: costruisci un network di qualità

linkedin network

Foto di Buffik da Pixabay

Perfetto, ora dovresti avere le basi per iniziare a muoverti su LinkedIn e creare valore per la tua rete!

Sei pronto per il terzo e ultimo passo di questa guida su come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Si tratta forse di uno degli aspetti più importanti in assoluto, cioè quello del network di contatti che si hanno.

La pubblicazione di contenuti ha l’obiettivo di darti visibilità e per ottenere visibilità è necessario che ci sia qualcuno disposto ad ascoltare quello che hai da dire.

Tipicamente, questo qualcuno arriva dal network di contatti che hai sviluppato e che sviluppi quotidianamente su LinkedIn.

Se ti stai chiedendo quanti contatti dovresti avere nella tua rete, sappi che non c’è un numero minimo o massimo, dipende dalla profondità del tuo settore di riferimento.

Anche in questo caso, gli esperti concordano sul fatto che la qualità sia meglio della quantità.

Avere tanti contatti ma che non c’entrano nulla con il tuo settore di riferimento e che non interagiscono con i tuoi contenuti, non serve assolutamente a nulla!

Piuttosto, meglio avere un network più ristretto ma che conta per quelli che sono i tuoi obiettivi di visibilità.

Come fare allora per sviluppare una rete di contatti che sia in grado di apprezzare i contenuti che vai a proporre?

Scoprilo con la regola delle 4 C…

Come usare LinkedIn: sviluppa il tuo network con la regola delle 4C

Vuoi espandere il tuo network in maniera sensata e ottenere contatti in linea con i contenuti che proponi?

Allora, ti consiglio di adottare la regola delle 4C, suggerita dal già citato Rocco Cutrupi.

Ecco in cosa consiste. Prima di inviare o accettare una richiesta di collegamento, valuta che il contatto sia:

  • Connesso: cioè faccia parte di un network più ampio di connessioni potenzialmente utili ad espandere la tua stessa rete
  • Completo: cioè che il profilo sia veritiero, completo e non creato per scopi commerciali
  • Conosciuto: che ha visitato il tuo profilo e ha personalizzato l’invito. Si è quindi preso del tempo per valutare il tuo profilo, non sta inviando richieste a strascico tanto per popolare il suo network.
  • Contiguo: cioè che sia professionalmente in linea con i tuoi interessi e obiettivi professionali

Rispetto a questo ultimo punto, la domande che devi farti sono: è nella filiera del mio settore? ha un network utile per espandere il mio stesso network? come può tornarmi utile il network di questa persona?

Ricorda inoltre che, nel caso in cui accetti un profilo non contiguo al tuo, LinkedIn ti suggerirà di aggiungere persone appartenenti a quel network, quindi non affine al tuo.

Ti è mai capitato di ricevere la classica richiesta di collegamento dallo sconosciuto sviluppatore indiano?

A me sì, più di una volta 😉

Ecco, questo è il classico esempio di collegamento che non ha alcun senso aggiungere (a meno che tu sia uno sviluppatore e stai pensando di andare a lavorare in India…) perché non ha nulla a che vedere con il tuo network.

Spero che questo esempio ti sia utile per capire chi aggiungere e chi non aggiungere al tuo network, d’ora in avanti.

Ora, prova a puntare in alto con le tue richieste di collegamento!

Come usare LinkedIn: punta in alto senza paura

Con l’esempio dello sviluppatore indiano, hai capito che non devi estendere il tuo network a tutti i costi, ma preferire contatti di qualità e in target.

Ti dirò di più: devi iniziare a puntare in alto se vuoi davvero attirare le Aziende dei tuoi sogni sul tuo profilo e sui tuoi contenuti.

Come farlo?

Puoi procedere con una strategia mirata: quando vuoi fare colpo su una determinata azienda, entra in contatto con i decision maker di quell’azienda.

Ad esempio, se lavori in ambito IT, potresti chiedere il contatto al CTO o l’IT Director, quindi le figure più rilevanti in azienda per quel ruolo.

Alcune volte, per aziende magari non particolarmente grosse, si può puntare direttamente all’Amministratore Delegato!

Personalizza l’invito, fai capire che stai cercando proprio quel contatto. Questo ti permette di fare due cose:

  1. ti differenzi da chi chiede il contatto senza scrivere nulla
  2. ti apri la possibilità di instaurare un rapporto diretto con quella persona

Ad esempio, una volta che il contatto ha accettato il tuo invito, potresti inviargli un altro messaggio per ringraziarlo ed iniziare così una potenziale conversazione.

Un altro modo per entrare in contatto con personaggi di spicco di cui vuoi attirare l’attenzione, è quello di citarli all’interno di un tuo post.

Nel momento in cui citi qualcuno all’interno di un tuo post, riceverà una notifica e sicuramente sarà incuriosito dalla citazione e andrà a leggere il tuo contenuto.

Magari lo stai citando per un suo intervento particolarmente brillante. Oppure per consigliare un suo libro o un suo video.

Insomma, tutto questo potrebbe essere l’aggancio perfetto per iniziare una conversazione da lì in avanti!

Direi che queste sono delle ottime chicche su come usare LinkedIn per attirare le Aziende dei tuoi sogni, che ne pensi?

Conclusioni

Perfetto, sei arrivato alla fine di questo articolo su come usare LinkedIn per attrarre le Aziende dei tuoi sogni!

Intanto, ti faccio i miei complimenti per essere arrivato fin qui!

Poi, se hai voglia di darmi la tua opinione sull’articolo (o su qualsiasi altra cosa ti venga in mente), ti invito a scrivermi dal form che trovi nella pagina Contatti.

Prima di salutarci faccio un brevissimo recap dei 3 elementi che abbiamo visto in questo articolo per usare LinkedIn come un vero professionista:

  1. Crea un profilo professionale. Avrai di certo capito ora che il profilo LinkedIn è diverso dal curriculum. Sfrutta le enormi potenzialità che il profilo LinkedIn ti da per raccontare la tua professionalità a 360°!
  2. Crea valore. Utilizza LinkedIn per proporre valore alla tua rete, facendo emergere la tua personalità e professionalità. Per farlo puoi creare contenuti di tuo pugno, oppure semplicemente commentare o condividere contenuti di altri. Tieni sempre a mente che tutto ciò che fai è finalizzato a dare valore e tutto conta per il tuo personal brand.
  3. Costruisci un network di qualità. Fai in modo che i tuoi messaggi possano essere veicolati alle persone giuste, costruendo un network di qualità e in linea con gli obiettivi che ti sei prefissato nell’utilizzo di LinkedIn.

A questo punto non mi resta che dirti di correre su LinkedIn per mettere in pratica tutto quello che hai imparato!

Un saluto da Vins 😉

Vuoi scoprire altri segreti per dominare il mercato del lavoro?

Iscriviti alla newsetter e ricevi una volta a settimana una selezione di super contenuti curata dal team di Jobs ReAct!

Per te un fantastico regalo di benvenuto: il primo modello di CURRICULUM creato sulla base dei consigli di decine di professionisti del mondo HR!